Visualizza articoli per tag: reti di imprese - ASSORETIPMI


LinkedinTwitterFacebook
La Mappa delle Reti d'Impresa in Italia

DELIMITATORE1

Iscrizione alla Newsletter

SHARE THIS:

crea il tuo progetto

Iscrizione alla Newsletter

 

DELIMITATORE1

Gli Instant Book di Assoretipmi

14 Giugno, Milano, Il Project Financing per l’edilizia pubblica: la sfida delle Reti d’impresa

 ASSORETIPMI

vi invita a 

Il Project Financing per l’edilizia pubblica:

la sfida delle Reti d’impresa

14 giugno 2016 ore 14.30

Unione Artigiani della provincia di Milano

via Doberdò 16 Milano – MM1 Villa S.Giovanni

 

 

Italia, Europa: la riqualificazione dell’edilizia pubblica (in particolare di quella scolastica) per il rilancio dell’economia. 
Sì, ma da dove e come partire? Con l’utilizzo del project financing collegato alle Reti d’Impresa. 

Perché?

Per cogliere una nuova opportunità imprenditoriale
Il solo mercato dell’edilizia scolastica è stimato in oltre 30 miliardi di euro!

Per entrar a far parte di una rete redditizia 
 30 miliardi di investimento significano acquisti di materiali e forniture, servizi di progettazione, di costruzione e di gestione. Vuoi perderti questa occasione?

Per diventare i leader del proprio cambiamento 
Con il project financing per la prima volta sono le imprese a fare proposte di iniziativa privata al pubblico e a farsele approvare.

header-14-giugno

 

P R O G R A M M A 

14.30 Registrazione partecipanti

14.45 Introduzioni e saluti – Claudio Vettor Unione Artigiani

15.00 Le reti di Impresa e il nuovo paradigma “Collaboration is the new competition” - Oscar Legnani, Delegazione Regione Lombardia di AssoretiPMI

15.20 Il ruolo delle Associazioni – Eugenio Ferrari Presidente AssoretiPMI

15.40 Edilizia e Reti di Impresa: le opportunità del contratto di rete nelle costruzioni private e nelle opere pubbliche – Arch. Giorgio Via Delegato Provincia Pavia di AssoretiPMI

16.00 Il Mercato dell’edilizia pubblica a Milano – Assessorato Politiche Pubbliche Comune Milano

16.30 Reti d’Impresa per l’Edilizia scolastica in Project Financing – David Vicario, consulente ed esperto di Project Financing, associato Assoretipmi

17.00 Il ruolo degli investitori privati – Giorgio Telesi, BacktoWork24 – Gruppo 24ORE

17.30 Domande e Dibattito

Partecipazione gratuita previa registrazione (entro il 10 giugno)

 

pulsante meeting

 


 

banner-mappa-free-trial-blue

ASSORETIPMI è l’associazione no-profit nazionale e indipendente di Imprenditori, Reti di Imprese, Professionisti, Manager di Rete e tutte le persone interessate allo sviluppo dell'aggregazione nata dal social network LinkedIn, all'interno del Gruppo RETI DI IMPRESE PMI, che con i propri gruppi verticali conta oggi oltre 40.000 membri.  

Non sei ancora associato ad ASSORETIPMI? scopri tutti i vantaggi e le modalità! CLICCA QUI  

banner-adesioni-2016

banner-mani-assoretipmi  

Pubblicato inNews
SMAU Bologna 9-10 Giugno, con Assoretipmi: Creare una Rete d'Impresa, idea, startup, percorso strategico.

ASSORETIPMI sarà presente a  

Smau Bologna

9-10 Giugno 2016 

BolognaFiere Pad.33

 

pulsante-smau-blue

  

 

 

 
ASSORETIPMI, l'Associazione nazionale indipendente nata dal Gruppo di LinkedIn RETI DI IMPRESE PMI, sarà presente a SMAU Bologna il 9 e 10 Giugno 2016 con un proprio Stand e con un Workshop dedicato alle Reti d'impresa e alle sempre maggiori opportunità che questo modello organizzativo rappresenta per imprese e professionisti.

Siamo lieti di offrirti il Codice d'Invito VIP per usufruire dell'ingresso all'evento, accedere ai parcheggi VIP, all'open-bar Vip Lounge, ritirare la Tessera d'Onore di Padova c/o la Vip Lounge che consente l'accesso gratuito ad alcune manifestazioni fieristiche dell'anno in corso.

                   Codice d'Invito VIP gratuito:  6143072895  clicca qui per iscriverti

 
WORKSHOP  - Venerdì 10 Giugno ore 14:00 

"Creare una Rete d'Impresa, dall'idea allo startup al percorso strategico di Rete". 

Relatori: Eugenio Ferrari, Presidente ASSORETIPMI, interventi di esperti e best practice di reti. 

Come nasce l'idea del fare rete? quali sono le motivazioni delle imprese, gli aspetti economici e quelli sociali? Quale tipologia di contratto preferire e perchè ? Quali le differenze con le altre modalità aggregative, consorzio, ati, ecc ? Come formulare il business plan della rete ? La governance: l'importanza di una figura manageriale per la rete. La fiducia e aspetti relazionali. Gli obiettivi realistici a breve, medio e lungo termine. Economie di gestione e di scala, ricerca dell'efficienza, obiettivi di mercato, strumenti finanziari. 

Al 17 Maggio 2016 InfoCamere ha registrato 2.844 Reti di Imprese presenti in tutte le regioni di Italia, che coinvolgono 14.305 imprese, certificando lo sviluppo notevole del fenomeno.
Saranno presentati I Tools di ASSORETIPMI per facilitare la creazione e lo sviluppo di Reti.

ISCRIVITI AL WORKSHOP  (dal 27 Maggio)

 

pulsante-smau-blue

  

Assoretipmi-INVITO-SMAU-BOLOGNA-res

 

Pubblicato inNews
Comunicato stampa | Sbarca a Roma il 4° Meeting Nazionale ASSORETIPMI, il 6 Maggio Giornata delle Reti d’Impresa.

Comunicato Stampa

 Sbarca a Roma il 4° Meeting Nazionale ASSORETIPMI, il 6 Maggio Giornata delle Reti d’Impresa.  

 

 

 

 

 

 

 

Reti di impresa, innovazione e cambiamento, come le reti sociali e le aggregazioni strategiche tra imprese stanno cambiando il nostro modello di sviluppo.

 

Modena, 4 Maggio 2016 - Si svolgerà quest'anno per la prima volta a Roma il 4° Meeting nazionale di ASSORETIPMI, un evento unico nel suo genere, occasione di dialogo e confronto col mondo delle Reti, un universo in crescita esponenziale. 

Infatti, oggi in Italia sono operative 2.793 reti di imprese che includono 13.978 imprese e una forza occupazionale di oltre 100.000 posti di lavoro.

Numeri in crescita costante che testimoniano  la consapevolezza  di come, nel contesto attuale, siano proprio le Reti, aggregatrici di forze, possibilità e potenzialità di sviluppo, le protagoniste del  processo di cambiamento che sta investendo abitudini e prassi legate al sistema socioeconomico del Paese.

Un programma molto intenso quello dell’evento, con un parterre di relatori d’eccezione, dove il focus sulle reti sarà strettamente collegato ai temi dell’innovazione,  della gestione del cambiamento,  dell’evoluzione delle modalità di comunicazione e relazionali tra le persone, fino ai nuovi strumenti di indagine sugli scenari futuri.

Tra le novità del Meeting,  il lancio dell’Action  Plan Italia il nuovo disruptive concept di ASSORETIPMI che innova il modo di "fare rete" per ridare forma, forza e spessore alle relazioni umane attraverso  "un upgrade dal virtuale al reale”.

Un ringraziamento speciale agli sponsor che sostengono  l'organizzazione di questo evento: Retelit,Artax, Challenge Network, Dasir-tech, D&C, NetFasianworldwide, ProcOut, FASI.biz, Infodinamica, CMB, Piacentini Catering, SGM Energy, RoadTV e la rete Teamreti Italia.

Il Meeting si terrà dalle ore 10,30 alle 17,30 all’Auditorium Seraphicum all’Eur.  Tutte le Info e modalità di iscrizione nel portale www.assoretipmi.it

 

Contatti per la stampa: 

Monica Franco 

Vicepresidente ASSORETIPMI – ASSOCIAZIONE RETI DI IMPRESE PMI 

Skype:monicabrain - Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.


  PROGRAMMA E ISCRIZIONE 
 

6maggio-newbanner-DPI300-PROVA 

AssoretiPMI è l'associazione nazionale indipendente nata dal gruppo di LinkedIn RETI DI IMPRESE PMI, da sempre impegnata nella ricerca di strumenti innovativi e adeguati al processo di cambiamento e di sviluppo attraverso l'aggregazione tra imprese quale strumento imprescindibile per lo sviluppo della nostra economia e della nostra società.

Pubblicato inComunicati Stampa
La Centralizzazione degli Acquisti nelle Reti di Imprese

un tema da approfondire, un obiettivo da perseguire

by Sergio Giordano, ProCout, 

Delegato Roma ASSORETIPMI

...ne parleremo anche al 

4° Meeting Nazionale ASSORETIPMI

del 6 Maggio a Roma

 

 

 

 

 

Dal nostro Gruppo di Linkedin RETI DI IMPRESE PMI in una discussione aperta da Sergio Giordano,

"Caro Eugenio, grazie per il post su Pulse (Un ACTION PLAN per il gruppo RETI DI IMPRESE PMI? https://www.linkedin.com/pulse/un-action-plan-per-il-gruppo-reti-di-imprese-pmi-eugenio-ferrari) e soprattutto per lo stimolo operativo che hanno le tue parole. Ho visto che come primo argomento hai inserito la possibilità di costituire un “grande gruppo d'acquisto”. L’argomento è infatti molto immediato ed in particolare in un momento storico come questo in cui si parla tanto di riduzione costi e di spending review è il più naturale argomento che salta alla mente quando abbiamo di fronte un elevato numero di società che possono creare grandi aggregazioni di acquisti. Argomento immediato ma non certo di facile gestione (ma mi sembra che ASSORETIPMI sia abituata proprio a raggiungere gli obiettivi più sfidanti no?) Come sai da anni mi occupo di acquisti industriali ma in questo caso non vorrei parlare io, piuttosto mi piacerebbe aprire una discussione per capire, soprattutto da coloro che fanno già parte di una rete d’imprese e dai manager di rete (ma non solo), cosa ne pensano di questo argomento…"

Il tema della centralizzazione degli acquisti e della razionalizzazione organizzativa ed economica, dagli acquisti alla gestione logistica degli stessi, è sempre più importante per le imprese in un mondo dove i margini vanno sempre più riducendosi, ancor più se le imprese sono di piccole e micro dimensioni, come il 95% di quelle Italiane.  La rete di impresa, allora, può rappresentare la giusta opportunità per le piccole e piccolissime aziende, che non hanno al loro interno le competenze e la forza contrattuale per realizzarle.

Buona lettura di quella che riteniamo una guida sintetica chiara ed efficace sulle modalità di attuazione e i benefici ottenibili dalla centralizzazione degli acquisti, nell'attesa di approfondire il tema il 6 Maggio, a Roma nell'intervento di Sergio Giordano: Action Plan Italia (parte seconda) | Le Call-to-Action per governare gli acquisti di gruppo.
 

Centralizzazione degli acquisiti o gruppo d’acquisto: cos’è

  • Un GA (Gruppo d’Acquisto) può essere definito come una entità che raggruppa due o più organizzazioni di acquisto indipendenti che si uniscono, formalmente o informalmente, o tramite una terza organizzazione indipendente, al fine di coniugare le loro esigenze individuali e di volume per l’acquisto di materiali, servizi e beni in conto capitale sfruttando la maggiore forza contrattuale per ottenere quel valore aggiunto dai fornitori in termini di migliori prezzi, miglior servizio e migliori tecnologie che non si sarebbe potuto ottenere singolarmente da ciascuna organizzazione.

Vantaggi del Gruppo d’acquisto

  1. Economie di scala o “Potere d’Acquisto”

Il primo e più immediato vantaggio offerto da un Gruppo d’acquisto è l’economia di scala. Il volume della domanda di acquisto aggregato ad esempio da una rete d’imprese di discrete dimensioni fornisce alle singole imprese quella economia di scala e conseguente potere d’acquisto che non potevano sperare di ottenere da sole.

  1. Prezzi più bassi / Maggiore Potere Negoziale

Aumentando il volume d’acquisto previsto, il GA è generalmente in grado di negoziare prezzi più bassi per il bene o il servizio che viene acquistato rispetto a quanto potrebbero ottenere, da sole, le singole società. Questi risparmi sono di solito significativi, vanno dal 10% al 35% in base al livello di competenza della struttura che si occupa degli Acquisti centralizzati.

  1. Riduzione dei costi di transazione

Aderendo ad un GA, le organizzazioni possono efficacemente semplificare i processi di approvvigionamento. Questo non solo riduce il costo unitario, ma anche i costi complessivi di transazione in base ad una riduzione del numero di contratti (da negoziare, realizzare e gestire).

  1. Economie di Processo

La condivisione di informazioni di acquisti su: fornitori, nuove tecnologie, conoscenza del mercato oltre alla condivisione di esperienza storica di acquisto non solo evitano la ridondanza e riducono i costi di transazione, ma creano una economia di processo molto superiore a quella che ciascuna organizzazione potrebbe raggiungere da sola.

  1. Riduzione del Carico di Lavoro

Dal momento che il GA gestisce tutte le fasi per l’emissione e la relativa gestione dei contratti per conto della rete, le singole imprese avranno una significativa riduzione del carico di lavoro, e saranno libere di concentrarsi su quelle attività “core” e quindi più strategiche per la loro impresa.

  1. Miglioramento delle procedure (best practice) nel tempo

L’organizzazione che gestisce il GA permette alle imprese della rete di migliorare i loro risultati attraverso la condivisione delle migliori procedure (best practice) in alcuni processi di business, sfruttando le competenze in specifiche aree funzionali. Infatti la maggior parte delle moderne organizzazioni che gestiscono i GA utilizzano esperti di settore per ogni singola categoria merceologica gestita. Questi esperti di settore sono alla continua ricerca di sempre più efficaci metodologie atte a migliorare i processi, la qualità e l'efficienza del fornitore per garantire una ottimizzazione dei processi a prezzi sempre più competitivi (Miglioramento del TCO - Total Cost of Ownership - ossia il costo totale di acquisizione).

  1. Economie di tipo tecnico e miglioramento del TCO

L’organizzazione che gestisce il GA, in futuro, offrirà tutti i vantaggi legati alle proprie competenze d’acquisto nelle singole categorie che andrà al di là dell’iniziale vantaggio legato alla sola economia di scala. Infatti, una volta terminata la fase iniziale in cui si sfrutterà al massimo la forza dell’economia di scala per abbassare i prezzi, l’organizzazione che gestisce il GA userà la propria esperienza per aiutare le imprese in rete a far progredire la tecnologia di acquisizione, riducendo gli sprechi e ottimizzando l’uso dei beni e dei servizi che vengono acquistati.

  1. 8.Impatto positivo sull’utile per ogni singola società in rete

E’ noto che una riduzione dei costi sugli acquisiti, ad esempio del 5%, produce un aumento dell’utile di oltre il 2% e per ottenere lo stesso risultato le vendite dovrebbero aumentare di oltre il 20%...! Quindi il saving generato da una centralizzazione degli acquisti in una rete di imprese produce un aumento dell’utile in ogni singola società della rete.

Reti d’impresa in Italia: Criticità

Il GA applicato alle reti d’impresa, pur avendo tutti questi innegabili vantaggi, ha anche le sue criticità che spesso si sottovalutano e che vanno gestite nel modo giusto:

  • Fornitore locale vs. fornitore Nazionale vs. fornitore Internazionale
    • Il ricorso alla centralizzazione degli acquisti tra un gruppo di imprese in rete, visto l’aumento delle quantità e del relativo potere d’acquisto, porta inevitabilmente al coinvolgimento  di fornitori nazionali ed internazionali oltre a quelli locali. In tale attività di comparazione/valutazione dei fornitori bisognerà fare attenzione a tenere in giusta considerazione non solo il prezzo finale ma anche la qualità del prodotto nonché i servizi connessi alla fornitura (tempi di consegna, attività post vendita, etc. …). Inoltre non bisognerà tralasciare quegli aspetti caratteristici dei fornitori storici (validi) legati alla conoscenza del cliente che porta ad una maggiore flessibilità nel rapporto cliente fornitore oltre ad evitare l’inevitabile fase di discontinuità tipica nei casi di cambiamento di un fornitore. Naturalmente accanto all’attenzione per tutti gli aspetti evidenziati ci deve essere una nuova “Vision” verso mercato legata al fatto che ora non si è più da soli ma si è parte di una compagine di aziende per cui le scelte da fare dovranno essere le migliori per l’intera rete d’imprese.
  • Resistenza al cambiamento (vecchio fornitore (storia, conoscenza,  abitudine))
    • Come per qualsiasi processo che produca cambiamento di procedure/abitudini consolidate etc. … anche l’accentramento degli acquisti produrrà una iniziale resistenza. Bisognerà quindi porre particolare attenzione nell’affrontare tale cambiamento in maniera graduale   in modo da aiutare le persone coinvolte a viverlo nel modo migliore possibile.

Le reti d’impresa verso la centralizzazione degli acquisti: come operare

  • Obiettivo primario che fa nascere la rete d’impresa (di solito Business): Internazionalizzazione, possibilità di accedere alla partecipazione di bandi di gara in maniera stabile, innovazione per condividere i rischi inevitabilmente collegati agli investimenti in nuove tecnologie e prodotti, consolidamento  formale  del rapporto con partner che da anni fanno parte di una stessa supply chain mettendo insieme una maggiore capacità di produzione, di marketing, commerciale e di vendita.
  • Una volta consolidato l’obiettivo primario è importante guardare agli obiettivi secondari sfruttando al meglio quei vantaggi indiretti dell’essere parte di una rete di imprese: in cosa si può migliorare e ottimizzare lavorando insieme? Sicuramente suggerimenti in tal senso si possono ottenere guardando al funzionamento di grandi imprese e/o gruppi industriali.
  • In questa fase diventa di fondamentale importanza il contributo del manager di rete che ha il compito di effettuare questa analisi e suggerire la strategia giusta per sfruttare i vantaggi indiretti della rete. Tra queste, una delle azioni più naturali e di maggiore impatto, è certamente l’introduzione della centralizzazione degli acquisti.
  • Affinché il processo di centralizzazione abbia successo si dovrà aver cura di introdurlo in maniera graduale, iniziando da quelle categorie merceologiche di più immediato e facile accentramento
  • Infine saranno necessarie professionalità specifiche nel campo degli acquisti per la gestione delle relative attività, l’emissione dei contratti/ordini aperti e relativa gestione degli stessi (in taluni casi le società in rete sono di dimensioni diverse e quelle più strutturate potrebbero già avere personale con specifica professionalità negli acquisti che potrà essere utilizzato per la gestione delle attività centralizzate affiancando il manager di rete).
    • Stessa Regione
      • Ci potrà essere più attenzione ai  fornitori locali per un maggior numero di categorie
      • Multi-Regione
        • Si farà ricorso per la prevalenza delle categorie a fornitori nazionali/internazionali
        • acquisto di licenze per dotarsi della piattaforma in modalità Saas (Software as a service ossia software a noleggio, non acquistato) per ogni operatore buyer addetto;
        • noleggio ossia pagamento di una tariffa annuale per ogni singola utenza attivata per l’utilizzo di una piattaforma di una società partner,
        • delega dell’intera attività di acquisto o parte di essa  (tramite la piattaforma di e-Procurement) in outsourcing a società partner (mantenendo completa visibilità e condivisione di tutti i processi) specializzate in questa attività;
        • standardizzazione del processo d’acquisto utilizzando un unico strumento comune per tutte le società in rete;
        • possibilità di creare dei cataloghi online ad uso dei singoli clienti interni di ogni società i cui prezzi di listino saranno negoziati a monte in base alle quantità totali previste dalla intera rete;
        • nelle attività di ciclo passivo permette una corretta gestione ed attribuzione delle fatture per singola società implicata nel processo d’acquisto. La piattaforma sarà facilmente integrata agli ERP delle singole imprese (ogni impresa riceve  fatture dal fornitore per la sua parte o comunque come previsto dalle regole del contratto di rete)
        • Uso della fatturazione elettronica
        • Unico Albo fornitori di rete disponibile ad ogni singola impresa in rete
        • Sistema di valutazione oggettiva dei fornitori per il miglioramento continuo delle prestazioni
        • Ogni società potrà mettere più facilmente a fattor comune le esperienze in ambito acquisti (fornitori  validi e non, riferimenti di prezzo per le singole categorie di spesa etc. …) con evidenti vantaggi reciproci.
        • Standardizzazione delle specifiche tecniche di acquisto alle migliori pratiche delle aziende di rete con conseguenti miglioramenti di prezzo/prestazioni dei beni e servizi acquistati. E’ facile immaginare efficientamenti negli acquisti di materiali comuni come i Dispositivi di Protezione Individuali, la cancelleria, i servizi di pulizia e di facility management ecc. ecc.

Differenza tra Reti di Imprese in base alla logistica

L’e-Procurement e l’uso di una piattaforma per la gestione degli acquisti

Lo strumento che ci viene in aiuto nel lavoro di centralizzazione è una piattaforma di e-Procurement. Si tratta di dotare la rete di imprese di un sistema informativo “condiviso”, basato sulle più recenti tecnologie Web e utilizzato da tutte le imprese retiste. L’introduzione di strumenti di acquisto innovativi come l’e-Procurement rappresenta uno dei temi più rilevanti per migliorare l’efficienza complessiva dei processi di approvvigionamento di una organizzazione complessa come è la rete di imprese. La negoziazione telematica degli acquisti (e-Procurement) consiste infatti nel mettere in grado chi ne fa uso di gestire via internet tutte le relazioni con il proprio parco fornitori, attraverso una piattaforma informatica “dedicata agli acquisti” che consenta di gestire processi  di selezione del contraente, ricevere offerte, inviare ordini e consultare cataloghi on-line.   Ad esempio, per gli acquisti di beni di consumo o comunque ripetitivi la scelta di una procedura centralizzata che definisca una serie i convenzioni verso altrettanti fornitori permette di inserire dei cataloghi on-line a cui hanno accesso le diverse strutture di rete per procedere all’acquisto diretto a prezzi competitivi in quanto già fissati a monte nelle convenzioni. Le attuali tecnologie informatiche consentono inoltre un semplice interfacciamento e condivisone dei dati, praticamente in tempo reale, con tutti i diversi sistemi informativi gestionali (MRP) delle singole imprese retiste.

Forme di utilizzo della piattaforma di e-Procurement e possibili offerte di mercato:

     Vantaggi:

Procedure e Controllo

Una scelta di accentramento degli acquisti comporta una attenzione particolare alle procedure che devono governare l’iter di acquisto. Infatti:

ü  Nel caso di strutture indipendenti l’una dall’altra, le procedure che le singole società in rete utilizzano sono le più svariate e la loro più o meno complessità è spesso collegata alle dimensioni della struttura (micro/piccola/media impresa) ed al budget destinato agli acquisti. Nella maggioranza dei casi ci troveremo di fronte alla mancanza di procedure scritte in quanto le  modalità di acquisto sono legate al buon senso della persona che lo esegue.

ü  In una situazione di questo tipo, passare ad una centralizzazione degli acquisti comporta una attenzione particolare alla stesura di una procedura di acquisto. Tale procedura, in base ai valori di spesa in gioco, dovrà essere:

  • coerente con gli obiettivi di riduzione costi e di riduzione dei tempi di approvvigionamento
  • coerente con gli obiettivi di efficienza e qualità in accettazione
  • rispettosa dei principi di etica insiti nell’attività di acquisto
  • condivisa e approvata a tutela della spesa gestita di ogni singola struttura che partecipa al gruppo d’acquisto.

Sempre a tutela degli interessi delle singole società in rete dovrà essere previsto un  controllo dell’applicazione operativa di detta procedura da parte di una preposta persona/struttura di audit della rete (es.: Manager di Rete).

Considerazioni finali

Premesso che l’obiettivo prioritario per una centralizzazione degli acquisti, può essere sicuramente individuato nello sfruttamento delle economie di scala per ridurre i prezzi unitari di beni e servizi da acquisire, bisognerà valutare se in tale obiettivo si vorrà includere o meno l’ottenimento di una standardizzazione dei suddetti beni e servizi o, ulteriormente, l’individuazione di beni e servizi con il miglior rapporto costo-beneficio. Infatti tali obiettivi necessitano di tre diversi approcci operativi le cui conseguenze andranno ben valutate soprattutto in base ai tempi per l’ottenimento dei risultati. Infatti:

  1. ottenere economie di scala per la riduzione dei costi unitari accostando precedenti capitolati è relativamente semplice, ma questo può al massimo produrre un effetto finanziario positivo di breve periodo. Già alla seconda gara con la stessa logica difficilmente si possono spuntare significativi sconti aggiuntivi.
  2. Aggiungere all’effetto positivo delle economie di scala anche un obiettivo di standardizzazione dei beni e servizi comporterà un lavoro più complesso in cui coinvolgere le singole strutture (raccolta dati e valutazione/condivisione/scelta degli standard) ma che produrrà benefici economici maggiori.
  3. Infine individuare i beni e servizi con il miglior rapporto costo-beneficio è estremamente complesso, perché richiede un lungo lavoro di analisi tecnica e concentrazione e condivisione dei dati con i richiedenti  interni. Questo costituisce però l’avvio di un processo virtuoso di introduzione di logiche e strumenti di governo della rete di imprese, di confronto tra pari, di costruzioni di partnership organiche con i fornitori, che può rappresentare un vettore di sviluppo organizzativo di lungo periodo.

Infine se le competenze in ambito acquisti risultano limitate all’interno della rete di imprese una buona soluzione potrà essere quella di affidarsi a professionisti degli approvvigionamenti esterni che affiancandosi al Manager di Rete potranno avviare il processo di centralizzazione degli acquisti ed eventualmente gestirne successivamente le attività in modalità e-Procurement con l’uso di una appropriata piattaforma. Tale scelta produrrebbe effetti talmente immediati che i costi di tale soluzione sarebbero rapidamente ripagati dagli immediati ritorni in termini di riduzioni del TCO.

 


 


Il grande appuntamento Italiano per FARE RETE torna il 6 Maggio e stavolta a Roma!


4° Meeting Nazionale ASSORETIPMI 


Giornata nazionale delle Reti d'Impresa
 

PROGRAMMA E REGISTRAZIONE

6maggio-sponsoredby-update-678-2404-asas  


Non sei ancora associato? Aderire ad ASSORETIPMI vuol dire entrare a far parte di una grande rete di persone e relazioni di valore capace di cogliere le esigenze e sviluppare le opportunità che il mercato esprime. CLICCA QUI    

banner-adesioni-2016

banner-mani-assoretipmi     

Pubblicato inNews
13 Maggio Mosciano S.Angelo (TE): 3°Meeting Regionale Abruzzo di ASSORETIPMI

ASSORETIPMI

vi invita al

3°MEETING REGIONALE ABRUZZO

Venerdi' 13 Maggio 2016

ore 15.00 – 17.30  

MOSCIANO S.ANGELO (TE)

c/o BLUE PALACE Mosciano Stazione

 

 

 

 

3° MEETING REGIONALE ABRUZZO 

ABRUZZO

 

14.30 Registrazione Partecipanti

15:00 Saluto degli organizzatori
Dario Di Carlo (Delegato Reg.le) e Patrizia Zanoni (Delegata Prov.le)

Presentazione ASSORETIPMI (Action Plan – Mappa delle Reti) Presidente Naz.le Dott. Eugenio Ferrari

15:20 Lancio Sportello ASSORETIPMI c/o CONFIMPRENDITORI Sede Prov.le TE

Dr. Eugenio Ferrari/Dr. Guido Gabriele

15:30 Panel di discussione: “Reti che nascono”

Intervengono: D-WINE - TONDA GREAT ITALIAN PIZZETTA – SMART LINE – OFFICINA della MODA – EXCLUSIVE FASHION ITALY

Modera: Antonella Formisani – Giornalista quotidiano “IL CENTRO”

16:00 Le reti d’impresa: istruzioni per l’uso

Ne discutono:Avv. Manuel De Monte - Presidente Abruzzo Sviluppo, Gianluigi Di Martino – Dirigente Abruzzo Sviluppo e Fabrizio Garaffa – Avvocato

Modera: Antonella Formisani – Giornalista quotidiano “IL CENTRO”

16:20 Panel di discussione: “Reti che crescono”

Intervengono: ITALIATECH – MADE IN LOCALLY – ITALIAN LIFE STYLE – DIGITAL BORGO – ABRUZZO IN TOUR

Modera: Antonella Formisani – Giornalista quotidiano “IL CENTRO”

17.00 Conclusioni  Presidente Eugenio Ferrari

 

Partecipazione gratuita previa registrazione

 

pulsante meeting 

  


  

Il grande appuntamento Italiano per FARE RETE torna il 6 Maggio e stavolta a Roma!


4° Meeting Nazionale ASSORETIPMI 


Giornata nazionale delle Reti d'Impresa
 

PROGRAMMA E REGISTRAZIONE

6maggio-sponsoredby-update-678-2404-asas  


Non sei ancora associato? Aderire ad ASSORETIPMI vuol dire entrare a far parte di una grande rete di persone e relazioni di valore capace di cogliere le esigenze e sviluppare le opportunità che il mercato esprime. CLICCA QUI    

banner-adesioni-2016

banner-mani-assoretipmi     

Pubblicato inNews
21 Aprile, Marcianise (CE), Progetto Regionale Campania per la riscoperta della Canapa

ASSORETIPMI

vi invita a

Scenari per lo sviluppo del Sistema territoriale attraverso la rivalutazione della canapa.

21 Aprile, ore 15:00

c/o Sede di Sviluppo Campania di Marcianise,

Sala Yunus

Zona Industriale ASI Marcianise Sud

 

 

 

DOWNLOAD PROGRAMMA (PDF)

21-aprile-marcianise-678-resize

Pubblicato inNews
11 Aprile, Costa d'Amalfi: Med Lab Turismo, Verso l'Hub d'Innovazione per un Turismo sostenibile

ASSORETIPMI Delegazione Campania

ti invita al 

Workshop Med Lab Turismo

"Verso l'Hub d'Innovazione per un Turismo sostenibile"

11 Aprile, ore 9.00 - 13.30

Auditorium di Scala, Costa d'Amalfi

 

 

 

 

Il Workshop Med Lab Turismo è un innovativo modello di interazione pensato in primis per gli operatori del settore turistico della Costa d’Amalfi e della Provincia di Salerno, con l’ambizione di diventare strategia regionale per la valorizzazione del turismo “made in Campania”.

PROGRAMMA

11-aprile-MED

 

 DOWNLOAD PROGRAMMA COMPLETO 

 11-aprile-base-cover

  


 

banner-mappa-free-trial-blue

ASSORETIPMI è l’associazione no-profit nazionale e indipendente di Imprenditori, Reti di Imprese, Professionisti, Manager di Rete e tutte le persone interessate allo sviluppo dell'aggregazione nata dal social network LinkedIn, all'interno del Gruppo RETI DI IMPRESE PMI, che con i propri gruppi verticali conta oggi oltre 40.000 membri. 

Non sei ancora associato ad ASSORETIPMI? scopri tutti i vantaggi e le modalità! CLICCA QUI  

banner-mani-assoretipmi

Pubblicato inNews
ASSORETIPMI: al via il Progetto nazionale sulle Reti d’Impresa per l’Edilizia scolastica in Project Financing.

Progetto nazionale:

Reti d’Impresa per l’Edilizia scolastica in Project Financing

Progettista: David Vicario in collaborazione con ASSORETIPMI  

Il Progetto sarà presentato nel corso del
4°Meeting Nazionale ASSORETIPMI che si terrà il 6 Maggio 2016 a Roma.

L’analisi dell’ANCE sulla situazione dell’edilizia scolastica pubblica riporta cifre impressionanti: oltre 6.000 edifici sono a rischio idrogeologico, oltre 24.000 edifici sono a rischio sismico ed oltre l’86% degli edifici non ha alcun contenimento energetico.

Quindi sono necessarie circa 10.000 nuove scuole, oltre che numerose operazioni di efficientamento energetico.

Un mercato ancora inespresso da oltre 30 miliardi di euro!!!

Il MIUR, vista l’emergenza di “Modernizzazione del Patrimonio immobiliare scolastico e riduzione dei consumi e miglioramento dell’efficienza degli usi finali dell’energia”, e vista anche la carenza di finanza pubblica, ha emanato il nuovo “Piano Nazionale di edilizia scolastica”, che richiama specificamente il coinvolgimento di capitali privati e quindi a tutte le forme di Partenariato Pubblico Privato (PPP) quali, tra le altre, il Project Financing (PF).

L’aspetto estremamente interessante di questo strumento è che permette a operatori economici, ad esempio alle reti d’impresa, di fare proposte di iniziativa privata, sia per l’edificazione di nuove scuole che per l’efficientamento energetico di quelle esistenti. Quindi, anziché essere la Pubblica Amministrazione a mettere a gara una Concessione per costruzione e gestione, oppure una Concessione di servizi comprensiva di lavori di efficientamento energetico, può essere direttamente il Privato a fare proposte in tal senso.

Le reti d’impresa, quindi, sono sicuramente tra i soggetti più idoneiad attivarsi in questo mercato. Infatti per questa tipologia di opere, che nella maggior parte dei casi hanno un importo variabile tra i due e i quindici milioni di euro, accade che, mentre le grandi imprese non sono sempre molto interessante a causa dei costi di struttura che le porterebbero fuori mercato, le PMI, singolarmente, non hanno competenze, esperienze e, molto spesso, neanche i necessari requisiti previsti per fare proposte private. Ecco quindi che un’aggregazione di PMI, costituita in forma di rete d’impresa, dove ogni impresa contribuisce sia alla formazione dei requisiti necessari che all’esecuzione delle opere, può essere una valida soluzione al problema ed una strategia per creare nuovo lavoro, in un settore in forte crisi, con rischi di promozione mitigati, se non addirittura nulli, visto il diritto di prelazione attribuito al “Promotore” dell’iniziativa.

Le reti d’impresa possono quindi diventare la risorsa strategica per creare massa critica fra le PMI e sviluppare, in breve tempo, un know-how facilmente replicabile nei diversi territori italiani. Si passerà così da una posizione passiva delle PMI, finora in attesa dell’iniziativa pubblica, ad una vera e propria posizione attiva di proposta, in ottica di piena collaborazione Pubblico-Privato.

Si attiverà quindi un processo virtuoso che porterà le reti d’impresa a replicare le best practices, innescando una naturale standardizzazione dei processi, delle procedure e degli strumenti, che renderà le proposte e gli interventi sempre più frequenti e meno complessi. Si svilupperà così il mercato dell’edilizia scolastica in PF, con una conseguente richiesta di capitali sul mercato che stimolerà le società di gestione del risparmio (SGR) a creare fondi dedicati. La medesima dinamica in base alla quale è stato da poco costituito il primo fondo italiano di investimento per operazioni di efficientamento energetico.

Avremo così una perfetta ripartizione dei ruoli e dei relativi rischi corrispondenti alle operazioni di PF: le reti d’impresa propongono e costruiscono le opere; la Pubblica Amministrazione valuta le proposte, le pone a gara ed aggiudica le concessioni; le SGR finanziano e gestiscono le opere realizzando impieghi di capitale. 

Ma il potenziale delle reti d’impresa nell’edilizia scolastica in PF non si esaurisce certo qui. Se si ipotizza di intervenire in un mercato così vasto, che prevede 30 miliardi di investimenti da ripartire in migliaia di interventi similari su tutto il territorio nazionale, allora è molto facile intuire che tutte queste reti d’impresa avranno esigenze molto simili; dagli acquisti di materiali e forniture per l’edificazione, fino ai servizi, più o meno complessi, sia nella fase di progettazione e costruzione che nella successiva fase di gestione. E’ chiaro quindi che una situazione di questo tipo permetterebbe, ma ancor di più, richiederebbe, la costituzione di una “rete nazionale” di grandi operatori economici, che supporti e sviluppi tutte le attività delle reti locali.

Avremo quindi la nascita di un “sistema di reti” suddiviso in due livelli: un primo livello locale, più tipicamente operativo, ed un secondo livello nazionale, di natura organizzativa, per lo sviluppo di macro attività di interesse comune, con il coinvolgimento di grandi imprese, fondi di investimento, istituti finanziari, società di consulenza, università, centri di ricerca, etc., tutti aggregati con un obbiettivo ed un programma di rete chiaro e condiviso; tutti a supporto delle reti locali, costituite dalle PMI, che sono il vero e proprio motore del sistema, essendo le uniche che possono conoscere e gestire al meglio il delicato rapporto col territorio, sul quale ricadranno tutte le relative economie.

Questo progetto verrà divulgato e promosso su tutto il territorio nazionale,grazie allo straordinario contributo di AssoretiPMI, mediante un road show che toccherà le principali provincie italiane ove le associazioni locali di riferimento ne faranno richiesta.

Auspichiamo quindi una immediata risposta del mercato in grado di attivare e costituire, sin da subito, una serie di reti d’impresa locali dedicate all’edilizia scolastica pubblica in PF e di gettare le basi per lo sviluppo della rete nazionale.

Per informazioni ed approfondimenti potete scrivere all'indirizzo email:Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.  oppure a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

David Vicario

 


 

Il grande appuntamento Italiano per FARE RETE torna il 6 Maggio e stavolta a Roma!


4° Meeting Nazionale ASSORETIPMI 


Giornata nazionale delle Reti d'Impresa
 

PROGRAMMA E REGISTRAZIONE

6maggio-sponsoredby-update-678-2404-asas  


Non sei ancora associato? Aderire ad ASSORETIPMI vuol dire entrare a far parte di una grande rete di persone e relazioni di valore capace di cogliere le esigenze e sviluppare le opportunità che il mercato esprime. CLICCA QUI    

banner-adesioni-2016

banner-mani-assoretipmi      


banner-mappa-free-trial-blue

 

Pubblicato inNews
6 Maggio 2016, Roma: ►4°Meeting Nazionale di ASSORETIPMI, al via l'Action Plan Italia!

4° MEETING NAZIONALE

ASSORETIPMI

Al via l'ACTION PLAN ITALIA!

Roma, 6 Maggio 2016

Ore 10:30 - 17:30

Auditorium "Seraphicum"

Via del Serafico,1 00142 Roma EUR 
.................................................
ASSORETIPMI è l'associazione 3.0
nata dal gruppo di Linkedin
RETI DI IMPRESE PMI

 

 

Il grande appuntamento Italiano per FARE RETE torna il 6 Maggio e stavolta a Roma!

#retidimprese #networking #farerete #futuro #vision #social #innovazione #cambiamento #PMI #emozioni #fiducia #rilancio #impresafemminile #internazionalizzazione #sviluppo #coraggio #energia #donneinrete #startup #lavoro #assoretipmi #ilfuturoinrete #disruptive #prototype #crossroad

 6maggio-BANNER01-relight 

...mentre lavoriamo sul futuro diamo già forma al presente, in #rete

Quest'anno la Giornata delle Reti di Impresa - il Meeting annuale Nazionale di ASSORETIPMI - presenta una grande novità, quella dell'ACTION PLAN ITALIA, il nuovo disruptive concept di ASSORETIPMI che innova il modo di "fare rete" usando il digitale per vivere il reale. Parte dall'ascolto di oltre 40.000 voci da 5 anni ad oggi nei nostri Gruppi di Linkedin e poi sempre più da 4 anni con ASSORETIPMI in ogni ambiente virtuale e fisico e nei nostri 220 eventi.

Oggi le reti di imprese sono 2.793, includono 13.978 Imprese - un nuovo mercato di nuove prospettive e nuove esigenze per attuarle - e una forza occupazionale di oltre 100.000 posti di lavoro

I dati attuali datati 3 Aprile 2016 (periodo di riferimento 31 Marzo da fonte Infocamere, vedi la Mappa delle Reti di Imprese di Assoretipmi) registrano un aumento di 460 imprese (nel mese precedente l'incremento era stato di "sole"304 imprese) e di ben +94 Contratti di Rete (nel mese precedente le nuove Reti erano state 56). Una crescita che si conferma in pieno anche in termini percentuali su base annua con un trend di oltre il +30% sul totale generale.  

Un trend positivo in Italia, forse caso unico nell'attuale scenario, da preservare e accrescere sempre di più.

 

Il Meeting 

Con questo meeting ricco di testimonianze e di esperti sul cambiamento della società, sulle Reti d'Impresa e sulle relazioni umane e professionali, vogliamo proporre una giornata dedicata a esplorare e approfondire le nuove modalità e gli strumenti più efficaci per creare  alleanze strategiche e vincenti.

Focus:

Networking e Reti d’impresa, innovazione e cambiamento, come le reti sociali e le aggregazioni strategiche tra imprese stanno cambiando il nostro modello di sviluppo. Ancora una volta è il concetto di Rete, intesa anche come Rete di persone oltre che come Reti di imprese, il grande driver per il rilancio. 
 

P R O G R A M M A

10,30  Registrazione partecipanti

10,45  Inizio Meeting

Action Plan Italia (Parte prima) | Oltre il social network, gli strumenti per generare nuove opportunità.
Eugenio Ferrari, Presidente ASSORETIPMI e Fondatore del Gruppo di LinkedIn RETI DI IMPRESE PMI

Monica Franco, Vicepresidente ASSORETIPMI         

Impresa e territorio nel Contratto di rete.
Giuseppe Capuano, Economista - MISE Ministero dello Sviluppo Economico.

Dove vanno e a cosa servono le Reti di Imprese? I numeri, l'ecosistema, i trend, i risultati.
Monica Franco, Vicepresidente ASSORETIPMI.

La Certificazione del Manager di Rete, lavori in corso!
Paolo Fiorentino, Delegato Regionale per la Campania ASSORETIPMI

I Future Game™ per indagare gli scenari futuri e costruire reti vincenti.
Paolo Santinello (Klink) - Strategic Partner Future-IQ

Quali strumenti per finanziare Reti, PMI e Start Up?
Carlo Pignatari, Esperto di Innovazione e Finanza straordinaria

Share for More
Alberto Consani, Artax Consulting Group

Speffy: l’innovazione sportiva firmata Dasir Tech
Salvatore Rullo, Dasir Tech

Facilitare la crescita dell'internazionalizzazione, progetto NETFasianworldwide 
Gianni Gregoris, International Business Development China, India and Southeast Asia 

13,00 – 14,30  Lunch & Networking

14,30  - Ripresa Meeting

Cambiare poco per cambiare tanto
Stefano Santori, Formatore e Consulente d’Impresa, Senior Partner Challenge

Lancio Progetto nazionale di Reti d’impresa nell’Edilizia scolastica col Project Financing.
Davide Vicario, Consulente ed esperto di Project Finance vedi abstract Progetto

Special Practice Reti di Impresa | “Le Tessitrici di Reti”, Donne d’impresa che sanno creare alleanze:

- Fare rete e moltiplicarla, l’esperienza di un’imprenditrice attiva in 5 Reti di Imprese.
  (
Settori Aerospazio, Arredo bagno, Impiantistica industriale e civile, Subfornitura industriale di fascia alta,  
  Consulenza Specialistica alle Reti di Impresa).
  Cinzia Coppola -  Imprenditrice, Manager di Rete e Vicepresidente della Rete MRONet.it

- Vincere contro i mulini a vento, la sfida di una Rete dell’editoria
  Letizia Pini, Imprenditrice,  Fondatrice Rete RIEL Publishing

- Sviluppare il Fashion Made in Italy con le Reti d’Impresa
  Patrizia Zanoni, Manager di Rete, Rete Italian Life Style, Rete Exclusive Fashion Italy

Spazio Internazionalizzazione | La copertura internazionale,  iniziative e Progetti di ASSORETIPMI,
Eugenio Ferrari, Presidente ASSORETIPMI, Avv. Donato Nitti, Delegato Regione Toscana e Delegato per Shanghai di ASSORETIPMI

Action Plan Italia (parte seconda) | Le Call-to-Action per governare gli acquisti di gruppo.
Sergio Giordano, ProcOut, esperto di Procurement 

Il Conto Corrente Emozionale di Rete 
Monica Franco – Vicepresidente ASSORETIPMI

Sessione domande e risposte dal pubblico.

Moderatore: Renato Votta – Direttore RoadTV Italia

*Il programma può subire variazioni. 


Come partecipare al Meeting:

Come nelle edizioni precedenti, oltre agli associati di ASSORETIPMI, sono invitati a partecipare anche tutti i membri del gruppo RETI DI IMPRESE PMI e tutti coloro che sono interessati alle Reti che abbiano intenzione di aderire e partecipare alle nostre iniziative.

Importante: e' previsto un contributo organizzativo di 25,00 euro a persona, una volta effettuata l'iscrizione si aprirà la pagina con le modalità di pagamento, che riceverete comunque anche via email.

Per motivi organizzativi è necessaria l'iscrizione online:

pulsante meeting

 

 I nostri Sponsor 

         artax-acg         Speffy-by-DASIR-TECH-res

      infodinamica      Logo-gregoris-res   procout-hr-resize-400            

 

        logo sgm energy  megastore-400      CMB-CONSULTING-resize     logo-road-tv

                                piacentini-logo-completo-nero             challenge-network

 

                        TEAMRETI-ITALIA-rete-di-imprese         Logo DC - IT Division-resize-res


                      logo-retelit           logo-FASI-RESIZE

 

Sponsor Istituzionali  

smau-logo RED      FondMBiagi-large

 

  

Come diventare SPONSOR del Meeting Nazionale ASSORETIPMI

sponsor-resCome per le precedenti edizioni, il meeting offre un'opportunità di grandissima visibilità in tutti i suoi momenti (prima, durante e dopo l'evento) in tutti i nostri canali di divulgazione on e offline e all'interno della manifestazione. Gli Sponsor interessati all’iniziativa possono scrivere a: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.  oppure scaricare direttamente il Piano Sponsorship

Vieni a conoscere i nostri Sponsor, clicca qui

Dove si tiene il Meeting:

Il prestigioso Auditorium del Seraphicum è situato all’interno della  Pontificia Facoltà Teologica “San Bonaventura” e del Collegio Internazionale “Seraphicum” in un ambiente immerso nel verde del quartiere Eur. 

Come arrivare: 

L’Auditorium del Seraphicum è situato in via del Serafico 1, Roma Eur. 

Facilmente raggiungibile in treno, in aereo (15 minuti dall’Aeroporto Leonardo da Vinci), in auto (disponibile parcheggio interno). 

Dalla Stazione Termini e dalla Stazione Tiburtina: Metro Linea B, capolinea fermata Laurentina, 5 minuti a piedi.    


Come associarsi ad ASSORETIPMI

Aderire ad ASSORETIPMI vuol dire entrare a far parte di una grande rete di persone e relazioni di valore capace di cogliere le esigenze e sviluppare le opportunità che il mercato esprime. Scopri tutti i vantaggi e le modalità ! CLICCA QUI  

banner-adesioni-2016 


 Il Seraphicum

 seraphicum


 I link alle precedenti edizioni del Meeting Nazionale ASSORETIPMI:

14 Marzo 2015 - 3° Meeting Nazionale ASSORETIPMI

8 Marzo 2014 - 2° Meeting Nazionale ASSORETIPMI 

1°Dicembre 2012 - 1° Meeting Nazionale ASSORETIPMI

 


 

banner-mappa-free-trial-blue

 

ASSORETIPMI è l’associazione no-profit nazionale e indipendente di Imprenditori, Reti di Imprese, Professionisti, Manager di Rete e tutte le persone interessate allo sviluppo dell'aggregazione nata dal social network LinkedIn, all'interno del Gruppo RETI DI IMPRESE PMI, che con i propri gruppi verticali conta oggi oltre 40.000 membri.  

Non sei ancora associato ad ASSORETIPMI? scopri tutti i vantaggi e le modalità! CLICCA QUI  

banner-adesioni-2016

 

banner-mani-assoretipmi   

Pubblicato inNews
Call to action ►Spagna, Barcellona: settori d'investimento attrattivi per PMI e Reti d'Impresa

Call to action ►Spagna

by ASSORETIPMI

Barcellona: settori d’investimento attrattivi

La Delegazione Spagnola di Assoretipmi, rappresentata dall’Avv. Paola Vitali, segnala alle Imprese e Reti d’Impresa associate e interessate al mercato spagnolo i seguenti settori d’investimento attrattivi nella città di Barcellona:

 

 

 

Tecnologia dell’informazione e della comunicazione (TIC)

Settore responsabile del 7% dell’economia della cittá: Barcellona potenzia la competitivitá delle imprese TIC con progetti che permettono apportare valore aggiunto alle imprese e convertiré la cittá in uno spazio di riferimento europeo in questo settore.
Speciale attenzione al settore di “Smart city”.
Istituzioni:
Fiere: Mobile World congress
Acceleratore: Wayra
Mobile World capital Barcelona www.mobileworldcapital.com 
Ctecno www.ctecno.cat 
Bdigital www.bdigital.org 
22@network Barcelona www.22network.net/ 
Barcelona smart city, www.smartcity.bcn.cat 

Ambiente

Settore che include la gestione ed il trattamento dell’ambiente, la consulenza, la raccolta e trasporto di residui, la fabbricazione e commercializzazione di macchine e tecnologia, opera civile e tecnologia, pulizia, controllo e analisi, formazione ed educazione. 1.320 imprese, la maggior parte PMI.

Istituzioni: Fundación fórum medioambiental

Agroalimentare

L’industria alimentare catalana occupa una posizione di rilevata importanza in Spagna, e l’area di Barcellona gioca un ruolo essenziale dal momento che concentra un gran volume di produzione e la maggior parte di attivitá di investigazione, innovazione e investimento estero.
Altro elemento importante in loco: si calcola che Mercabarna rifornisce a piú di 10 milioni di persone, nal nordest della Spagna fino al nord Italia.
A Barcellona si svolge inoltre il “Salón de la Alimentaria”, la seconda fiera d’Europa nel settore dell’alimentazione. Esiste inoltre un’ampia lista di universitá e di centri di investigazione nel settore nutrizione e sicurezza nell’alimentazione.
Istituzioni:
IRTA www.irta.cat/es
Mercabarna www.mercabarna.es
Fiere: Alimentaria www.alimentaria-bcn.com

 

Per le imprese italiane e per le reti di imprese italiane interessate, la Delegazione Spagnola di Assoretipmi, grazie al network con collaboratori locali e alla conoscenza del mercato locale, é in grado di offrire

SERVIZI AREA BUSINESS - IMPORT/EXPORT
• Ricerca partners e distributori locali.
• Organizzazione di missioni commerciali, incontri b2b e sviluppo di relazioni con i partners selezionati.
• Offerta di specifiche opportunitá di business.
• Definizione di collaborazioni, joint ventures e reti di imprese.
• Pianificazione, sviluppo e supervisione di iniziative in loco.

 

Contatti: 

Delegato territoriale SPAGNA - Avv. Paola Vitali
Tel. 0034617092506
Skype paola.vitali18
email: e-mail

 

Pubblicato inNews
Pagina 1 di 30

I Cookie ci aiutano a fornirvi un servizio migliore. Cliccando su "Accetta" o continuando a navigare accettate il loro utilizzo. Privacy Policy.